1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Antimicotici

Agenti antimicotici sono un gruppo di farmaci usati per trattare le infezioni causate da funghi.

Le malattie causate dall’infezione fungina possono interessare diverse parti del corpo, quindi per i diversi casi il paziente deve usare diversi farmaci antifungini. Ad esempio, il trattamento può essere eseguito sia sulla superficie (pelle, unghie, genitali), sia sugli organi interni (cuore, polmoni). I farmaci antifungini influenzano la parete cellulare dei funghi, causando la derivazione delle cellule dalla sostanza vitale.

Gli antifungini sono usati per il trattamento di infezioni fungine polmonari (piede d’atleta) e infezioni micotiche potenzialmente pericolose (aspergillosi).

Per il trattamento delle infezioni della pelle il paziente deve usare una crema liscia sul cuoio capelluto o uno shampoo contenente, ad esempio, miconazolo. Dopo circa una settimana i sintomi iniziano a scomparire, ma il trattamento deve continuare per almeno altre due settimane. Terbinafina è usata per via orale per diversi mesi per trattare efficacemente le infezioni delle unghie. Clotrimazolo (crema o supposta vaginale) viene utilizzato per il mughetto. Se si verifica un mughetto, il fluconazolo viene somministrato per via orale.

In caso di infezioni gravi degli organi interni, ai pazienti vengono prescritte iniezioni, come l’amfotericina B, e dopo un ciclo di medicazione orale antifungina.

La micosi (infezioni fungine della pelle) costituisce una parte significativa delle malattie infettive, che rappresentano non solo un problema medico, ma spesso sociale, e hanno un effetto negativo sulla qualità della vita del paziente. Le infezioni fungine sono caratterizzate dalla prevalenza di emergenza; hanno una tendenza al decorso cronico e resistenza anche ai più moderni metodi di trattamento. Almeno il 20% della popolazione mondiale soffre di micosi e in alcune regioni si nota una maggiore incidenza di micosi di piedi (come la microsporia, la candidosi, ecc.). Le forme persistenti e generalizzate di infezioni fungine sono spesso una sorta di “marker” di HIV, il che aumenta il loro ruolo diagnostico.

Tutti i trattamenti per le infezioni fungine mirano direttamente o indirettamente alla rimozione delle cause del fungo patogeno. La terapia causale è un approccio efficace al trattamento delle infezioni fungine. I trattamenti possono essere locali (esterni), quando il farmaco viene applicato alla zona interessata. Un criterio importante per determinare la scelta di un farmaco è lo spettro della sua azione.

Ora i dermatologi offrono sistematicamente rimedi antifungini moderni. Con l’introduzione della pratica di antimicotici sistemici, i pazienti hanno una possibilità reale di sollevazione dall’onicomicosi. Oggi c’è una vasta selezione di questi farmaci. I medici determinano la necessità di assumere medicinali, impostare l’orario e la durata del trattamento.

Attualmente ci sono cinque agenti antifungini per l’uso orale. Essi sono griseofulvina, ketoconazolo, terbinafina, itraconazolo e fluconazolo.

Al giorno d’oggi, sempre più funghi danneggiano non solo la pelle e le mucose a contatto con l’ambiente esterno, ma anche gli organi interni. Le infezioni secondarie causate da funghi opportunistici (candidosi e aspergillosi) hanno una grande importanza sociale. Contribuiscono alla bassa immunità, all’uso di antibiotici, agenti antineoplastici, agenti citotossici, corticosteroidi ecc. Per curarli, così come per il trattamento di gravi infezioni fungine della pelle, gli antifungini delle mucose sono usati come farmaci per uso sistemico.

I farmaci più usati sono gli azoli. Sono ben assorbiti dal tratto gastrointestinale. La loro biodisponibilità relativa può essere organizzata in serie: Itraconazolo (40-60%).

Lascia un commento
  Subscribe  
Notificami