1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Antibiotici

Gli antibiotici sono un gruppo di composti organici naturali o semisintetici in grado di distruggere i microbi o inibirne la proliferazione. Al momento, conosciamo molti diversi tipi di antibiotici, dotati di diverse proprietà.

Al momento ci sono un numero enorme di vari antibiotici. Tuttavia, in medicina ne vengono utilizzati solo pochi; gli altri non possono essere utilizzati per il trattamento di malattie infettive a causa della tossicità elevata. La straordinaria varietà di antibiotici ha contruibuito alla loro classificazione e alla loro divisione in gruppi.

Assortimento di compresse e capsule antibiotiche orali

Allo stesso tempo all’interno del gruppo vengono inclusi gli antibiotici con una struttura chimica (derivata dalla stessa molecola di materie prime) e l’azione simili.

Il gruppo di antibiotici beta-lattamici comprende due grandi sottogruppi di antibiotici ben noti: penicilline e cefalosporine con la struttura chimica simile.

Penicilline sono ottenuti da colonie di muffa Penicillium da cui proviene il nome di questo gruppo di antibiotici – Penicillium. L’effetto principale della penicillina è associato alla capacità di inibire la formazione della parete cellulare batterica e quindi inibirne la crescita e la riproduzione.

Cefalosporine appartengono anche agli antibiotici beta-lattamici e hanno una struttura simile alla struttura della penicillina.

Macrolidi sono un gruppo di antibiotici con una complessa struttura ciclica. I rappresentanti più famosi dell’antibiotico macrolide sono Eritromicina, Azitromicina, Roxitromicina.

Amminoglicosidi sono un gruppo di antibiotici che comprende farmaci come la gentamicina, la monomitsina, la streptomicina e la neomicina.

La più semplice degli antibiotici è, ovviamente, la penicillina. Fu scoperta nel 1929 dallo scienziato britannico Alexander Fleming. Questo fu un passo avanti nella medicina, perché presto avrebbe reso possibile il trattamento antibiotico di pazienti precedentemente condannati a morte. L’antibiotico la penicillina uccide batteri come streptococco, stafilococco e pneumococco.

Dalla scoperta degli antibiotici, era trascorso più di un anno prima che i medici potessero calcolare la dose corretta e produrre un trattamento relativamente sicuro con gli antibiotici. Da allora, la scienza, senza interruzioni, produce sempre più antibiotici. Ciò accade non solo perché i batteri sono tutti diversi nella struttura e la loro neutralizzazione richiede strumenti diversi.

Per tradizione, gli antibiotici si dividono in naturali (proprio antibiotici, come la penicillina), semi-sintetici (molecole modificate di prodotti naturali, come amoxicillina o cefazolina) e sintetici (ad esempio, sulfonammidi, nitrofurani, ecc.). Attualmente, questa divisione ha perso rilevanza, visto che un certo numero di antibiotici naturali vengono prodotti sinteticamente (cloramfenicolo), e alcuni farmaci chiamati antibiotici (fluorochinoloni) sono infatti componenti sintetiche.

Innanzitutto, l’unicità degli antibiotici sta nel fatto che, a differenza della maggior parte degli altri farmaci, il loro recettore bersaglio non si trova nei tessuti o nelle cellule dell’organismo umano. Poi, l’attività degli antibiotici non è costante, ma diminuisce con il tempo, a causa della formazione di resistenza multipla (resistenza).

Resistenza agli antibiotici è un fenomeno biologico inevitabile is an inevitable che non può mai essere prevenuto. Alla fine, gli organismi con resistenza antimicrobica sono pericolosi non solo per il paziente a cui sono stati prescritti, ma anche per molte altre persone, anche separate nel tempo e nello spazio. Per questo, la lotta contra la resistenza agli antibiotici ha assunto un’importanza globale.

Gli antibiotici sono le sostanze di origine naturale o semi-sintetica che inibiscono la crescita delle cellule viventi dei procarioti, o, più spesso, degli organismi più semplici.

La classificazione in base alla struttura chimica, che è ampiamente utilizzata in ambienti medici, è la seguente:

Antibiotici beta-lattamici, suddivisi in due sottogruppi:

  1. Penicilline: prodotte dalle colonie di muffa Penicillium
  2. Cefalosporine: hanno una struttura simile alla penicillina. Sono usati in relazione ai batteri, resistenti alla penicillina.
  3. Macrolidi: antibiotici con una struttura ciclica complessa. Azione batteriostatica.
  4. Tetracicline: usato per trattare infezioni del tratto respiratorio e delle vie urinarie, infezioni gravi come antrace, tularemia, brucellosi.
  5. Aminoglicosidi sono altamente tossici. Usati per il trattamento di gravi infezioni, come setticemia o peritonite.
  6. Cloramfenicolo: il suo utilizzo è limitato a causa dell’aumentato rischio di complicazioni gravi – midollo osseo che produce globuli rossi. Il cloramfenicolo ha un effetto battericida.
  7. Gli antibiotici glicopeptidici interrompono la sintesi della parete cellulare batterica. Hanno un effetto battericida e alcuni effetti batteriostatici contro enterococchi, streptococchi and stafilococchi.
  8. I lincosamidi hanno un’azione batteriostatica che è causata dall’inibizione della sintesi proteica da parte dei ribosomi. In alte concentrazioni può provocare un effetto battericida su organismi sensibili.
  9. Antifungini: distruggono le pareti cellulari dei funghi e ne causano la morte. L’azione è analitica. Viene pian piano sostituito da medicine antimicotiche sintetiche ad alte prestazioni.

Gli antibiotici popolari che la gente compra nelle farmacie: Cipro (Ciprofloxacina), Augmentin (Amoxicillina-Clavulanata), Bactrim (Co-trimoxazolo), Zithromax (Azitromicina), Flagyl (Metronidazolo).

Lascia un commento
  Subscribe  
Notificami