1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Infezioni respiratorie

Infezioni delle vie respiratorie superiori (URI) influenzano l’apparato delle vie aeree superiori, costituito da naso, seni paranasali, trachea, faringe e laringe. Le sindromi che colpiscono queste strutture sono talvolta associate l’una con l’altra e un’infezione delle vie respiratorie superiori può progredire in un altro tipo. Può essere difficile distinguere queste infezioni l’una dall’altra perché producono segni e sintomi simili. URI frequentemente presenti includono il comune raffreddore, faringite, laringite, groppa, epiglottite e sinusite. Tuttavia, l’incidenza dell’epiglottite è significativamente diminuita dall’introduzione del vaccino universale Haemophilus influenzae di tipo b (Hib).

Infezioni Comuni delle Vie Respiratorie Superiori

URI Agenti Causativi Sintomi Trattamento
Raffreddore comune Rhinovirus, coronavirus, virus respiratorio sinciziale (RSV), virus parainfluenzale, virus dell’influenza, adenovirus Nausea nasale, rinorrea, starnuti, lieve mal di gola, febbre bassa o nulla, tosse, raucedine Sintomatico: con decongestionanti, antistaminici, sedativi della tosse, ecc .; vitamina C, zinco, ipratropio (intranasale), combinazione antivirale / antinfiammatoria
Faringite Virale: virus freddo (vedi sopra), virus Coxsackie A, virus herpes simplex, virus Epstein-Barr, HIV Batterico: Streptococcus pyogenes Virale: mal di gola irritata, disfagia Batterica: febbre alta, essudato faringeo, adenopatia cervicale Virale: batterico sintomatico: penicillina o amoxicillina come appropriato, eritromicina in pazienti allergici alla penicillina
Laringite Virali: virus dell’influenza, rhinovirus, adenovirus, virus parainfluenzale, RSV Batteri: S. pyogenes Funghi: C. albicans (in pazienti immunodepressi) Passo della voce abbassato, raucedine, perdita della voce (afonia) Voce a riposo, trattamenti con aria umida, antibiotici / antimicotici, se del caso
Groppa semplice Parainfluenza virus di tipo 1,2,3; virus dell’influenza; RSV Segue URI; sera, tosse secca e abbaiante; raucedine; mancanza di respiro; può progredire in obstructio laringeo Aria umida e umida; aria fredda; epinefrina nebulizzata; corticosteroidi
Epiglottite H. influenzae tipo B Insorgenza rapida, febbre, sbavando, difficoltà a deglutire, mal di gola, ostruzione delle vie aeree Emergenza medica, richiede la creazione di vie aeree artificiali, ampicillina IV e cloramfenicolo o cefalosporina, in base ai risultati della coltura
Sinusite Acuto: S. pneumoniae, H. influenzae, M. catarrhalis cronico: S. aureus, S. pyogenes, anaerobi, organismi resistenti da infezione acuta, P. aeruginosa, infezioni fungine Mal di testa, tenerezza del seno, congestione nasale, tosse Analgesici, decongestionanti, antibiotici empirici, controllo sinusite allergica, irrigazione del seno, chirurgia

Raffreddore comune

Il “raffreddore comune” è in realtà un gruppo di infezioni del tratto respiratorio superiore causato da sei diverse famiglie di virus. Questa infezione è solitamente lieve e auto-limitante, causando sintomi che durano 1-2 settimane. Negli Stati Uniti, circa $ 2 miliardi vengono spesi annualmente in preparazioni per la tosse e per il raffreddore da banco.

I rinovirus causano oltre il 30% dei raffreddori. Coronavirus e virus respiratorio sinciziale (RSV) sono anche tra le cause più comuni. La “stagione fredda” di solito inizia a fine agosto o settembre e termina dopo un picco primaverile in aprile o maggio. I raffreddori si ripetono frequentemente durante la stagione perché ci sono una grande varietà di virus del raffreddore. Ogni tipo ha diversi pattern di occorrenza e tutti sono facilmente diffusi. I raffreddori sono probabilmente trasmessi in tre modi: attraverso il contatto diretto con le secrezioni sulla pelle e nell’ambiente, in grandi particelle di secrezioni respiratorie trasportate attraverso l’aria e in goccioline infettive sospese nell’aria. Il periodo di incubazione per la maggior parte dei virus che causano il raffreddore è di 48-72 ore.

I sintomi classici di un raffreddore includono irritabilità e secrezioni nasali, starnuti e lieve mal di gola o irritazione della gola. La febbre è solitamente lieve nei bambini e raramente elevata di più di un grado negli adulti. Spesso si sviluppa tosse e raucedine. Nella maggior parte dei casi, i pazienti auto-diagnosticano il raffreddore e il trattamento è mirato ai sintomi più fastidiosi. Il trattamento della congestione nasale con agenti adrenergici topici e orali è efficace ei prodotti a lunga durata facilitano la compliance. I farmacisti dovrebbero rinforzare le istruzioni di dosaggio e porre l’accento sulla limitazione della durata del trattamento con decongestionanti topici per prevenire la congestione del rimbalzo.

La rinorrea può essere trattata con bloccanti colinergici per prevenire la secrezione ghiandolare. L’ipratropio intranasale è stato approvato per trattare questo sintomo. Gli antistaminici di prima generazione come la clemastina fumarato diminuiscono anche la rinorrea, probabilmente a causa di un’attività anticholinergica piuttosto che antistaminica. Gli antistaminici non antagonisti di seconda generazione non sembrano influenzare i sintomi del raffreddore.

La tosse durante il raffreddore è in genere causata dal drenaggio e dall’ostruzione postnasale e può rispondere ad una combinazione di antistaminico-decongestionante. I soppressori della tosse come il destrometorfano o la codeina e gli espettoranti come la guaifenesina non sono stati adeguatamente studiati nel comune raffreddore. Una tosse che persiste dopo che altri sintomi del raffreddore si sono risolti può essere dovuta a una complicazione come sinusite o malattia delle vie aeree reattive. Questi casi dovrebbero essere indirizzati a un medico. Mentre l’efficacia dei prodotti freddi da banco nei bambini piccoli non è stata dimostrata, questi prodotti riducono i sintomi negli adolescenti e negli adulti.

Sono in fase di studio i trattamenti mirati all’infezione virale stessa e alla risposta infiammatoria dell’ospite. La vitamina C, una volta ritenuta poco efficace nella prevenzione del comune raffreddore, può effettivamente ridurre la durata di un episodio freddo di circa un giorno, probabilmente influenzando la risposta immunitaria. Sono necessari studi ben controllati per determinare la dose e la durata necessarie per produrre questo effetto.

Un trattamento antivirale promettente è il gluconato di zinco. È stato dimostrato che lo zinco inibisce la replicazione del rinovirus in vitro, ma i risultati dello studio in vivo sono stati incoerenti. Ciò può essere dovuto in parte all’ampia varietà di formulazioni, allo studio delle variazioni di progettazione e all’analisi dei risultati. È difficile raccomandare l’uso di losanghe di zinco di routine fino a quando non saranno completati altri studi comparativi, ma i risultati fino ad oggi sono incoraggianti.

Altri composti studiati per il trattamento a freddo comprendono interferone, agenti anti-infiammatori non steroidei e ipratropio bromuro. La profilassi con l’interferone non si è dimostrata efficace nel prevenire le infezioni da freddo. I prodotti di combinazione contenenti interferone e ipratropio intranasale con naprossene orale hanno mostrato una certa attività nei raffreddori indotti sperimentalmente. Questi prodotti possono avere un effetto maggiore dei soli agenti singoli nel ridurre la durata di un’infezione da freddo.

Faringite

La faringite è un’infiammazione acuta della faringe. Molto spesso si verifica con infezioni virali come il comune raffreddore o influenza. Può anche essere dovuto a batteri, principalmente a streptococco beta-emolitico di gruppo A. Le infezioni daptococchi rispondono rapidamente alle penicilline e si possono evitare gravi complicazioni come la febbre reumatica acuta e la glomerulo-nefrite.

La faringite virale può verificarsi come parte del comune raffreddore, ma di solito è lieve. La faringite che accompagna l’influenza, tuttavia, può essere grave ed è spesso la principale lamentela in questi casi. Infezioni da Coxsackievirus, virus dell’herpes simplex, mononucleosi infettiva dovuta al virus Epstein Barr e HIV possono essere accompagnate da faringite. La faringite batterica differisce notevolmente tra i pazienti, a seconda degli agenti causali. La faringite streptococcica in alcuni casi può far diventare la membrana faringea rossa infuocata con essudato, febbre alta e adenopatia cervicale. In altri, sono presenti solo sintomi lievi e reperti fisici. Nella maggior parte dei casi non è possibile effettuare una diagnosi definitiva solo sui risultati clinici. Test rapidi di rilevazione dell’antigene aiutano a determinare la necessità di una terapia antibiotica. Devono essere testati anche i familiari di pazienti e altri contatti stretti che sviluppano sintomi. Se un test è positivo, deve essere iniziato un ciclo di 10 giorni di penicillina V o amoxicillina. L’amoxicillina è spesso scelta per i bambini piccoli principalmente per la sua appetibilità. Anche una singola dose di penicillina benzatina è accettabile e praticamente elimina i problemi di conformità. Nei pazienti allergici alla penicillina, i macrolidi più recenti come la claritromicina e l’azitromicina sono associati a un’incidenza molto più bassa di disagio gastrointestinale rispetto all’eritromicina. Se il test dell’antigene è negativo, il tampone deve essere coltivato per confermare l’assenza di streptococco. Il trattamento può essere iniziato e poi interrotto se la coltura è negativa o può essere sospesa in attesa dei risultati della coltura. Se un ciclo di penicillina di 10 giorni fallisce, può essere presente faringite virale. Anche il trattamento potrebbe fallire perché la compliance non era adeguata. Frequenti dosaggi giornalieri, scarsa accettazione da parte del paziente, effetti avversi gastrointestinali, conservazione inadeguata e interruzione precoce della terapia a causa del miglioramento sintomatico contribuiscono a una scarsa compliance. La consulenza dei farmacisti può migliorare enormemente la conformità e l’esito della terapia.

Laringite

Laringite infettiva è una malattia comune che è quasi sempre causata da un virus. Tuttavia, la raucedine può svilupparsi con infezioni respiratorie batteriche e persino infezioni da Candidal in pazienti immunocompromessi. I virus più comuni associati alla laringite sono il virus dell’influenza, il rinovirus e l’adenovirus. Laringite infettiva è spesso correlata a sintomi come tosse e mal di gola. Nei bambini, la laringite è di solito parte di un’altra infezione del tratto respiratorio superiore, come la groppa. Laringite virale è di solito una malattia lieve. Lo sviluppo di grave raucedine e ostruzione delle vie aeree con difficoltà respiratoria, stridore inspiratorio e fame d’aria è insolito.

Il sintomo principale della laringite è un tono vocale abbassato, raucedine e talvolta completa perdita di voce. L’esame fisico mostra poco più dell’infiammazione faringea. Se la laringe viene esaminata mediante laringoscopia, le corde vocali e il tessuto sottoglottico mostrano edema infiammatorio. Il trattamento per laringite è essenzialmente a riposo della voce. Inalare l’aria inumidita può portare sollievo. Poiché l’eziologia della laringite è tipicamente virale, gli antibiotici non sono di beneficio nella maggior parte dei casi. Se la raucedenza continua oltre le 2 settimane, deve essere eseguito un esame laringoscopico per escludere altre malattie.

Groppa

La groppa semplice (laringotracheobronchite acuta) è un’infezione virale del tratto respiratorio nei bambini che provoca l’infiammazione della regione sottoglottica. La gravità del caso dipende in parte dall’età del bambino, dall’infezione del virus e dalla predisposizione del bambino a sviluppare la groppa. È più frequente nei bambini di età compresa tra 3 mesi e 3 anni, anche se può complicare le infezioni respiratorie nei bambini più grandi. I bambini piccoli hanno più difficoltà con difficoltà respiratoria durante la croup perché le loro vie aeree sono più piccole. Pertanto, sono bloccati in misura maggiore rispetto a quelli di un bambino più grande per l’infiammazione e l’edema. Le cause virali più comuni della groppa sono il virus parainfluenzale, il virus dell’influenza e l’RSV. Ci sono variazioni stagionali nell’incidenza di questa infezione. Le epidemie si verificano di solito in autunno, inverno o all’inizio della primavera.

La maggior parte dei bambini ha un’infezione delle vie respiratorie superiori per alcuni giorni prima dell’inizio dei sintomi della groppa. Ci può essere una leggera o moderata febbre, a volte raucedine, ma pochi altri sintomi tranne la rinite o la congiuntivite. I casi lievi di groppa si traducono in una tipica tosse “croupy” o “brassy” che assomiglia a un rumore di abbaiare. Questa tosse è solitamente non produttiva. I sintomi di solito peggiorano durante la notte, spesso svegliano improvvisamente il bambino con mancanza di respiro e una sensazione di apprensione. I sintomi possono migliorare in modo significativo, persino scomparire durante il giorno, ma tornare di notte. I sintomi migliorano lentamente per diversi giorni. Tuttavia, se l’ostruzione laringea progredisce, possono seguire lo stridore inspiratorio e l’angoscia respiratoria. I bambini piccoli possono diventare agitati e piangere, aggravando i sintomi e rendendo la respirazione ancora più difficile. In alcuni bambini, la febbre alta (> 102 ° F) e l’insufficienza respiratoria possono progredire fino all’ipossia, alla cianosi e all’arresto cardiopolmonare. Questa situazione deve essere trattata come un’emergenza medica.

La maggior parte dei pazienti che sviluppano la groppa può essere adeguatamente curata a casa. Lo spasmo laringeo viene spesso alleviato ponendo il bambino in un bagno chiuso e facendo una doccia o un bagno caldo per creare un ambiente caldo e umido. L’aria esterna fredda può anche alleviare adeguatamente i sintomi. Una volta che la respirazione diventa più confortevole, un umidificatore della camera da letto può impedire il ritorno dello spasmo laringeo nelle prossime sere. Se un bambino non risponde al trattamento domiciliare, lo step del medico o del pronto soccorso è il passo successivo. È stato dimostrato che l’adrenalina nebulizzata migliora i sintomi, ma l’effetto è transitorio ei pazienti che rispondono all’adrenalina richiedono un’osservazione continua. In molti casi, per ridurre l’edema infiammatorio sono stati usati steroidi per via orale o parenterale (tipicamente desametasone) da 1 a 3 giorni. Sebbene l’efficacia degli steroidi rimanga controversa, questo trattamento spesso migliora drasticamente il quadro clinico nei pazienti, con un rischio ridotto di effetti avversi.

I bambini che hanno avuto groppa sembrano essere predisposti a futuri episodi. Questi bambini possono avere vie aeree iperreattive con una componente allergica ai loro sintomi. Questa teoria si basa sul riscontro frequente di test cutanei positivi e sulla storia familiare di allergie nei bambini che sono predisposti alla groppa. Si raccomanda spesso che questi pazienti utilizzino un umidificatore nella camera da letto durante qualsiasi infezione delle vie respiratorie superiori per contribuire a prevenire lo sviluppo della groppa. Tuttavia, questa misura non è stata dimostrata efficace.

Epiglottite

L’epiglottite è un gonfiore della epiglottide e dei tessuti circostanti che procede rapidamente in pericolo di vita. Di solito è causato da H. influenzae tipo b. Tipicamente, i pazienti sono ragazzi di 2-4 anni che hanno sperimentato 6-12 ore di febbre e difficoltà a deglutire. I bambini più grandi e gli adulti si lamentano di mal di gola. Il segno distintivo dell’epiglottite (differenziandolo da groppa, difterite, edema angioneurotico o aspirazione da corpo estraneo) è l’aspetto del paziente. Spesso descritti come “tossici”, questi pazienti possono essere pallidi, letargici, irritabili, ipotensivi e disidratati, con battito cardiaco accelerato e respiro rapido. Di solito sono in difficoltà respiratoria, sporgendosi in avanti mentre sono seduti e sbavando le secrezioni orali perché non possono deglutire. Ci possono essere stridore e raucedine inspiratori. La diagnosi viene fatta esaminando l’epiglottide, che appare rosso vivo. L’epiglottite può causare l’ostruzione completa delle vie aeree entro 30 minuti dall’inizio dei sintomi. In questi pazienti deve essere stabilita una via aerea immediata mediante l’inserimento del tubo endotracheale. Il tubo deve rimanere in posizione per 3-5 giorni fino a quando l’infiammazione e il gonfiore dell’epiglottide si sono attenuati. Il trattamento convenzionale comprende 7-10 giorni di un appropriato antibiotico parenterale. I contatti domestici di età inferiore ai 4 anni devono essere trattati con profilassi di rifampicina 20 mg / kg / die (massimo 600 mg / die) per 4 giorni. I pazienti devono essere dimessi con lo stesso regime per impedire la reintroduzione dell’organismo nella famiglia.

Sinusitie

La sinusite è un’infezione dei seni paranasali che spesso segue un’infezione virale del tratto respiratorio superiore o si presenta come una complicazione della rinite allergica. Se non trattata efficacemente, la sinusite può portare a gravi infezioni come meningite batterica, ascesso subdurale o epidurale o ascesso cerebrale. La sinusite può essere acuta o cronica. I casi più acuti sono dovuti a Streptococcus pneumoniae, H. Influenzae e Moraxella catarrhalis. I batteri anaerobici e lo Staphylococcus aureus sono le cause predominanti della sinusite cronica e delle sue complicanze intracraniche. Pseudomonas aeruginosa causa sinusite in pazienti immunocompromessi o in quelli con tubi nasali o cateteri, ei funghi possono essere il colpevole nei pazienti con infezione da HIV.

La sinusite acuta è spesso accompagnata da secrezione nasale giallo-verdastra, sebbene possa essere purulenta o addirittura chiara. Molti pazienti lamentano anche una tosse e un gocciolamento postnasale dal drenaggio dei seni, febbre di basso grado, mal di testa e diminuzione dell’appetito. Ci può essere la tenerezza sui seni mascellari o frontali e aree di opacità sui raggi x del seno. L’uso empirico di ampicillina o amoxicillina per 10-20 giorni viene comunemente impiegato. I test per confermare l’agente patogeno (aspirazione della cavità sinusale) sono invasivi e costosi. Gli antibiotici orali possono essere sospesi se i sintomi sono scomparsi dopo 10-14 giorni di terapia. Se i sintomi persistono, potrebbero essere necessari altri 10-14 giorni di trattamento. I decongestionanti (topici o sistemici) e gli antistaminici orali sono utili nei pazienti con rinite allergica. Gli steroidi intranasali possono aumentare il rischio di sviluppare sinusiti fungine. La sinusite cronica viene diagnosticata quando i sintomi della sinusite continuano per più di 6 settimane. Spesso queste infezioni sono causate da anaerobi, S. aureus o organismi resistenti alla terapia antimicrobica precedentemente utilizzata. Il trattamento può richiedere inibitori della beta-lattamasi (ad es. Amoxicillina / acido clavulanico, cefalosporina o antibiotici macrolidi più recenti). Le infezioni resistenti possono richiedere una diagnostica aggiuntiva per determinare una terapia antibiotica appropriata. La sinusite cronica può portare a danni permanenti alla mucosa.

Lavarsi le mani è il modo più efficace per fermare la diffusione della sinusite. Nei pazienti atopici, il controllo della rinite allergica dovrebbe aiutare a ridurre gli episodi di sinusite acuta. Anche se non è un metodo comprovato, l’uso immediato di decongestionanti nasali quando si manifesta una sensazione di naso nasale può aiutare a prevenire il drenaggio dei seni poveri e l’imminente infezione. Un adeguato trattamento della sinusite acuta può anche prevenire lo sviluppo di una condizione più cronica.

Lascia un commento
  Subscribe  
Notificami